Home > Guida Siracusa > L’isola di Ortigia

L’isola di Ortigia

Isola di OrtigiaL’isola di Ortigia fino alla fine dell’ottocento era il centro fortificato della città di Siracusa e separa il Porto Piccolo dal Porto Grande, collegati tra loro solo tramite il canale della Darsena. L’isolotto è collegato con la terraferma tramite il ponte Umbertino. L’isolotto di Ortigia conserva testimonianze di varie epoche susseguitesi a Siracusa.

Lungomare di Levante

Il Lungomare di Levante si affaccia sul Porto Piccolo e conserva ancora le caratteristiche del vecchio borgo marinaro della città. Proseguendo in direzione sud, sul lungomare, si giunge alla Chiesa dello Spirito Santo, con una facciata del settecento che si affaccia sul mare.

Il Tempio di Apollo

Tempio di ApolloAttraversando il ponte che porta all’isolotto di Ortigia, si giunge a piazza Pancali, dove si trovano le rovine del Tempio di Apollo, i cui resti sono stati rinvenuti all’interno di una caserma spagnola nel 1860. Edificato all’inizio del VI secolo a.C., è uno dei più antichi tra i templi dorici ad oggi conosciuti. Il tempio è imponente ed ha dimensioni ragguardevoli di 58 per 24 metri, ed è caratterizzato dall’alternanza di colonne piccole e accostate. I resti conservati constano di due colonne con trabeazione, varie altre colonne di cui restano solo frammenti e una parte delle mura antiche. L’edificio è stato più volte trasformato nel corso dei secoli ed ha ospitato una chiesa bizantina, una moschea araba, in seguito di nuovo una chiesa sotto i normanni ed infine un edificio militare spagnolo.

Le antiche mura greche

San CorradoDa piazza Pancali, prendendo per via XX Settembre, si giunge nell’area in cui si trovano i resti delle antiche mura greche, fatte costruire da Dionisio nel IV secolo a.C. a protezione della città.

In seguito si giunge alla Chiesa di Santa Maria dei Miracoli, risalente al quattrocento, caratterizzata da un bel portale in marmo, opera di scuola gaginesca.

Il Castello Maniace

Castello Maniace Il Castello Maniace fu costruito da Federico II nel XIII secolo e venne utilizzato, nel corso dei secoli, per diverse funzioni, da residenza reale a fortino militare a magazzino per merci.

Il Castello Maniace si erge sulla estremità sud dell’isolotto di Ortigia e conserva il bel portale centrale, in stile gotico, e la trifora laterale. Il nome deriva dal generale Giorgio Maniace, che riconquistò la città combattendo contro agli arabi nell’XI secolo.

Fonte Aretusa e l’Acquario Tropicale

Fonte Aretusa La Fonte Aretusa si trova nell’omonimo Largo Aretusa, ed è una fonte di acqua dolce, famosa per la leggenda della trasformazione della ninfa Aretusa in sorgente. Il mito racconta che la ninfa Aretusa si trasformò in sorgente per non essere catturata dal fiume Alfeo, ma poi venne ugualmente catturata dal fiume. In prossimità della Fonte Aretusa si può visitare l’acquario tropicale, in cui si possono ammirare pesci provenienti da vari paesi.

Porta Marina e Foro Italico

Porto grande Porta Marina, edificata in stile catalano, è l’unica testimonianza ancora esistente delle antiche mura medievali risalenti al XIV secolo. Proseguendo sul lungomare si giunge al Foro Italico in cui si trova la fonte Aretusa e da cui si può ammirare un paesaggio incantevole tramite l’ampio belvedere affacciato sul Porto Grande.

Chiesa di San Martino

Chiesa di San Martino La Chiesa di San Martino sorge a est dell’isolotto di Ortigia, e venne costruita nel trecento sopra i resti di un precedente edificio sacro. L’interno conserva due colonne nell’abside di epoca romana e un prezioso quadro risalente probabilmente al ‘500.

Il Duomo

Cattedrale di SiracusaIl duomo è una dei più bei monumenti di Siracusa. La chiesa è composta da una bellissima facciata in pieno stile barocco decorata da splendide statue scolpite dal Marabutti. Il duomo è una dei più bei monumenti di Siracusa. La chiesa è composta da una bellissima facciata in pieno stile barocco decorata da splendide statue scolpite dal Marabutti.

La struttura del duomo incorpora varie tracce di rimaneggiamenti avvenuti nel corso dei secoli tra cui i resti di un antico tempio greco dedicato ad Atena e risalente al V secolo a.C. di cui sono visibili alcune colonne. L’interno è a tre navate e conserva numerose cappelle, risalenti al XVII secolo, in cui si possono notare opere notevoli per la loro bellezza come un fonte battesimale di epoca normanna, una statua di Santa Lucia, la splendida cappella del Sacramento con un ciborio del settecento ed il presbiterio con un magnifico altare in stile barocco. Altre opere di rilievo sono la scultura della Madonna della Neve, risalente al ‘500, e quella di Santa Lucia, entrambe opera del Gagini.

La struttura del duomo incorpora varie tracce di rimaneggiamenti avvenuti nel corso dei secoli tra cui i resti di un antico tempio greco dedicato ad Atena e risalente al V secolo a.C. di cui sono visibili alcune colonne. L’interno è a tre navate e conserva numerose cappelle, risalenti al XVII secolo, in cui si possono notare opere notevoli per la loro bellezza come un fonte battesimale di epoca normanna, una statua di Santa Lucia, la splendida cappella del Sacramento con un ciborio del settecento ed il presbiterio con un magnifico altare in stile barocco. Altre opere di rilievo sono la scultura della Madonna della Neve, risalente al ‘500, e quella di Santa Lucia, entrambe opera del Gagini.

Piazza del Duomo

Palazzo Beneventano del Bosco La piazza del Duomo di Siracusa è considerata tra le più belle e suggestive piazze italiane.

La presenza di alcuni magnifici palazzi nobiliari, tra cui il Palazzo Senatorio, risalente al ‘600 e sotto il quale è possibile visitare i resti di un Tempio ionico, il Palazzo Beneventano del Bosco, risalente al ‘700, il Palazzo arcivescovile, risalente al ‘600; e delle splendide chiese barocche del Duomo e di Santa Lucia alla Badia rendono la piazza del Duomo di Siracusa davvero incantevole ed unica al mondo.

Il Palazzo Bellomo

Il palazzo Bellomo è il tipico esempio dei palazzi edificati in Sicilia nel periodo che va dal ’300 e il ‘500. Le finestre, il portale e la scala esterna sono in stile gotico e in stile catalano; l’atrio, a cui si perviene tramite il portale, risale invece al ‘200, e il cortile, di seguito, è contraddistinto da archi e pilastri molto ravvicinati, caratteristiche strutture del periodo trecentesco.

Galleria regionale

Antonello da Messina - Palazzo Bellomo Antonello da Messina - Palazzo BellomoLa Galleria regionale è ospitata sia a Palazzo Bellomo che a Palazzo Parisio.

La galleria è suddivisa in più zone espositive: al piano terra si conservano i reperti e le sculture siciliane che vanno dall’epoca paleocristiana fino al ‘500, tra cui le più note sono la Madonna del Cardillo della scuola del Gagini e la Madonna col Bambino probabilmente opera di Francesco Laurana. Al primo piano ha sede la pinacoteca, in cui sono esposte numerose opere del periodo che va dal ‘300 al ‘700, tra cui le più celebri sono l’Annunciazione di Antonello da Messina e il Seppellimento di Santa Lucia di Caravaggio.

Fontana di Artemide e Chiesa del Collegio

Fontanda di Artemide di SiracusaAl centro della piazza Archimede sorge la fontana di Artemide, realizzata intorno al novecento, che raffigura il mito di Aretusa. Vicino la fontana si trova la bella Chiesa del Collegio, realizzata in stile tipicamente barocco.

Palazzo Margulensi-Montalto e quartiere medievale

Palazzo Montalto Palazzo MargulensiIl palazzo Margulensi-Montalto venne costruito in epoca medievale intorno al ‘400 ed è caratterizzato da un facciata realizzata in stile gotico-chiaramontano.
Da palazzo Margulensi-Montalto si accede all’antico quartiere medievale attraversato dalla via della Maestranza, costellata di magnifici palazzi di epoca quattrocentesca che conservano nella loro struttura le tracce di vari stili architettonici di epoche diverse. Costruiti in epoca medievale ed in seguito ristrutturati in stile barocco sono il palazzo Rizza, il palazzo Blanco, il palazzo Bonanno, il palazzo Spagna e altri tra cui il suggestivo ed originale palazzo Impellizzeri. Altro edificio davvero originale nella sua struttura è la Chiesa di San Francesco che presenta una inusuale facciata a forma arrotondata.